CSDN
 
CSDN
CSDN
 
Guida all'utilizzo del sito
CSDN
   
CSDN   CSDN
 
WORKSHOP: Venezia 8 - 9 Aprile 2011

Magistratura Democratica - MEDEL

"II WORKSHOP IN DIRITTO INTERNAZIONALE E DELL'UNIONE"

Venezia, 8 - 9 apriile 2011, c/o Sala e Chiostro di Sant'Apollonia Basilica di San Marco


È trascorso poco più di un anno dal 1 dicembre 2009, giorno in cui è entrato in vigore il Trattato di Lisbona. La costruzione europea che sembrava aver perso in questi ultimissimi anni quella carica costruttiva ed ideale con cui la si guardava da parte di larghi settori dell’opinione pubblica democratica oggi sembra tornare significativa tanto da poter esser di nuovo definita il “luogo privilegiato della speranza umana” con le parole dei più insigni intellettuali del vecchio continente, come Habermas e Derrida. Il punto più debole dell’Unione continua ad essere bene espresso da una frase di decenni orsono di Monnet “la Comunità non tende ad istituire una collaborazione tra Stati ma a fondere i destini di esseri umani”; manca ancora una piena riappropriazione dello spazio politico europeo da parte di una cittadinanza che si senta e che agisca conseguentemente come il demos di quello spazio, che senta le decisioni europee come adottate, in virtù della presunzione -comunque verificabile- di un consenso popolare. Il Workshop rappresenta l’occasione per verificare se effettivamente, come sembra, oggi le vere “ sfide” sono quelle - per i 27 stati membri - che si giocano nelle sedi sovranazionali, nella convinzione che un particolare interesse volto a questo livello del confronto politico e giuridico non significhi una aprioristica apologia delle istituzioni dell’UE, ma solo una razionale collocazione dell’impegno democratico e costituzionale che ci contraddistingue nella nuova dimensione post-nazionale dello scontro, soprattutto adesso che la sfida del Trattato di Lisbona sembra ormai vinta. A livello istituzionale il processo di riforma, come noto, è infatti ormai ripartito con forza dopo il no irlandese alla ratifica del trattato di Lisbona. Diversamente dai precedenti “no” referendari del 2005, il processo di ratifica è proseguito sino a portare a compimento le ratifiche già effettuate. Ma ciò che ci interessa focalizzare in questa sede è come sia andata avanti la strada giurisdizionale europea perché l’Italia si trova in un sistema che non è più quello interno ma è quello interno più quello dell’Unione, o meglio, quello interno in quanto compatibile con l’ordinamento dell’Unione e deve, al contempo, collocarsi compiutamente anche nello spazio segnato dalla Convenzione Europea dei Diritti Umani e dal sistema giurisdizionale ad essa connesso. Di questa realtà si vuole dare atto con un Workshop che, anche in vista dell’adesione dell’Unione Europea alla CEDU e della vincolatività della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, annualmente analizzi le ricadute interne della legislazione europea e le diverse modalità pratiche di integrazione fra l’ordinamento interno e quelli dell’Unione ed internazionale alla luce della assoluta rilevanza dell’attività interpretativa nonchè della responsabilità dello Stato che discende dall’erronea interpretazione del diritto dell’Unione. 

Programma:

Clicca qui per visualizzare la locandina con il programma completo del WORKSHOP

 
< Prec.   Pros. >
 
CSDN   CSDN
 
  CSDN   CSDN  
    Policy & Privacy.